Italia Moda Shop

Italian English

Blog italia moda shop

Fashion Culture

I "Blue Jeans" dal west ai giorni nostri

Post 18 Dicembre 2011 By In Magazine
Vota questo articolo
(1 Vota)
  • dimensione font decrease font size decrease font size increase font size increase font size
  • Stampa
  • E-mail
  •  
  • 5 comments

denim-life

Etimologica del termine "blue jeans".

L'origine del termine "blue jeans" sembra risalga all'alterazione che la lingua inglese ha dato nel tempo ai termini francesi "blue de Genes" (blu di Genova), con i quali veniva indicato il tessuto blu che usavano i marinai genovesi per fabbricare pantaloni da indossare, teloni adatti alla copertura delle merci e addirittura vele per le proprie navi. L'Oxford English Dictionary indica nell' anno 1567 il momento della nascita di questo nome.

Read More

I Blue jeans vengono chiamati anche Denim. In questo caso la parola è una contrazione della parola "Nimes", città francese dove veniva tessuta la tela dei blue jeans. Il tessuto blu dei blu jeans proviene infatti proprio da Nimes.

Jacob-Davis-Levi-Strauss

Ma aldilà dell'origine etimologica dei vari nomi, coloro che contribuiranno in modo determinante alla specificità dei blue jeans e alla loro diffusione su scala mondiale sono un sarto di origine lettone e un imprenditore di origine Bavarese, entrambi emigrati a far fortuna negli states. I loro nomi sono: Jacob Davis e Levi Strauss.

 

 

 

 

Breve biografia di Levi Strauss tratta dall'enciclopedia libera Wikipedia.

Biografia Levi Strauss

Levi Strauss (nato Löb Strauß; Buttenheim, 26 febbraio 1829 – San Francisco, 26 settembre 1902) è stato un imprenditore tedesco naturalizzato statunitense, fondatore del noto marchio di abbigliamento Levi Strauss & Co.

Levi Strauss nacque in una famiglia di ebrei bavaresi (il padre era Hirsch Strauss e la madre Rebecca Haas). Partito dal porto di Bremerhaven, lasciò, come molti connazionali, la Germania per giungere negli Stati Uniti, sbarcando a New York. Qui i due fratelli maggiori, Jonas e Louis, avevano impiantato con successo un'industria di abbigliamento. Dopo avervi passato appena due giorni, si trasferì da un altro parente immigrato, lo zio Daniel Goldman, che teneva un ranch a Louisville in Kentucky. Vi passò altri cinque anni, durante il quale imparò la lingua, sperando di diventare un uomo d'affari indipendente, sebbene avrebbe dovuto succedere allo zio nella gestione del ranch. Nel 1847 anche la madre e due sorelle raggiunsero New York per aiutare i Jonas e Louis nella loro fiorente attività.casa-levi-strauss

A partire dal 1850, Löb inglesizzò il proprio nome in Levi e nel 1853 divenne cittadino americano. Quindi si trasferì a San Francisco, in California, regione che attraversava un momento di forte sviluppo dovuto al fenomeno della corsa all'oro: sperava infatti di impiantarvi un'industria tessile che potesse sfruttare la richiesta di particolari tessuti utili al lavoro nelle miniere, ai carri dei pionieri (i conestoga) e alle vele delle imbarcazioni. Così, con il cognato David Stern, aprì l'ingrosso Levi Strauss & Co. Levi era tra l'altro solito fare il venditore ambulante per le miniere, trasportando la propria mercanzia su un carro e per i minatori inventò un nuovo tipo di indumento, oggi noto come salopette. Più tardi utilizzò allo scopo la tela detta serge de Nîmes, oggi nota con la sua contrazione denim.

Il 20 maggio 1873, il sarto Jacob Davis condivise con Strauss il brevetto del suo tessuto, rafforzato attorno alle tasche con rivetti di rame.

Levi morì nel 1902 e fu sepolto a Colma. Lasciò l'azienda ai quattro nipoti Jacob, Louis, Abrahm e Sigmund Stern.

 Wikipedia

L'incontro con Jacob Davis

Jacob Davis è un sarto del Nevada che è ritornato a fare il suo primo mestiere dopo aver cercato fortuna in altre attività imprenditoriali senza successo, cosa questa, che gli ha fatto perdere praticamente tutti i suoi averi. Ma Jacob non si perde d'animo e con sacrificio apre un piccolo negozio di sartoria diventando cliente di Levi Strauss dal quale compra i tessuti per confezionare pantaloni di jeans ai minatori del posto. Si deve a una sua felice intuizione quella che sarà una peculiarità di questo strepitoso indumento che arriverà fino ai giorni nostri, un capo d'abbigliamento che non conosce differenze di classi sociali e sfida ogni cambiamento della moda. Un giorno, dovendo rassettare dei pantaloni che si erano sdruciti alle tasche, ebbe l'idea di fermare le cuciture delle stesse con dei rivetti di rame posti agli angoli, esattamente come li aveva visti usare sulle giunture delle coperte dei cavalli.Levi-strauss-co-on-battery Jacob ha un negozio piccolo e confeziona solo pochi capi cuciti a mano, ma intuisce che quei rivetti posti come rinforzo delle tasche sono un qualcosa di unico e rivoluzionario. Da uomo d'intuito quale egli è pensa subito che la sua idea vada tutelata, ma è molto povero e non possiede neppure i dollari necessari per fare il brevetto. Decide allora di scrivere in tutta franchezza a Levi Strauss, suo fornitore della tela di jeans, per proporgli di mettere lui stesso i soldi necessari per il brevetto ed avviare così una societài al 50% della sua idea, Strauss da vero uomo d'affari capisce subito l'importanza della sua intuizione e accetta. E' il 20 maggio del 1873 e nasce con il marchio Davis e Levi Strauss & Company la loro società.

 

Questa recensione ha ottenuto un Buono sconto su tutti i prodotti da:

sconto-coupon-7


Commenta su facebook

 
Prada92

Prada92

uffa!

Related items (by tag)

Altro in questa categoria: Gli stili della moda: il "Vintage" »

5 comments

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire le informazioni richieste nei campi richiesti(*).È consentito il codice HTML di base.

*
*
*
Sei qui: Home Blog Store Magazine I "Blue Jeans" dal west ai giorni nostri

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information